1

1

TOP

Lightwall Elements Collection

Elements Collection

Una serie di pannelli e moduli componibili di diverse dimensioni e profondità con finitura in ottone brunito e struttura laccata bianco.

Questo progetto propone una serie di pannelli di diverse dimensioni e profondità che possono essere combinati per creare composizioni uniche. L'estetica è guidata da una forte materialità delle superfici e da un sistema compositivo flessibile. Si tratta di un nuovo modo di pensare e usare l'illuminazione. Il sistema si presta all'uso residenziale o contract grazie alla sua flessibilità e forte materialità.

Una serie di pannelli e moduli componibili di diverse dimensioni e profondità con finitura in ottone brunito e struttura laccata bianco.

RICHIESTA INFORMAZIONI

INFO

SCOPRI DI PIÙ

MORE

Questo progetto propone una serie di pannelli di diverse dimensioni e profondità che possono essere combinati per creare composizioni uniche. L'estetica è guidata da una forte materialità delle superfici e da un sistema compositivo flessibile. Si tratta di un nuovo modo di pensare e usare l'illuminazione. Il sistema si presta all'uso residenziale o contract grazie alla sua flessibilità e forte materialità.

L'origine del sistema Lightwall

L'idea di base dell'arch. Mark Anderson è relativamente semplice: unire pannelli di rivestimento e illuminazione. Questa tecnica è utilizzata spesso, in particolare dove la luce viene utilizzata come accento o come segno grafico. L'intenzione di questo progetto è leggeramente diversa, è creare una fusione funzionale tra un pannello di rivestimento e una lampada. I pannelli di rivestimento di questo sistema effettivamente diventano illuminazione in modo che vi sia una vera fusione tra due tipologie distinte. La differenza è sottile ma significativa. diverse dimensioni che possano essere posti su livelli diversi.

L’estetica sarà guidata da una forte materialità delle superfici e un modo di comporre libero, (può andare da un’estetica di sovrapposizione e “collage” fino ad un’estetica più razionale e rigorosa).  Il punto di forza di questo sistema è proprio nella difficile identificazione del carattere: è una lampada o un rivestimento?

Il punto di forza di questo sistema è proprio nella difficile identificazione del carattere: è una lampada o un rivestimento? Le diverse composizioni di volta in volta attivano e costruiscono lo spazio. E’ un nuovo modo di concepire ed utilizzare l’elemento di arredo. Per esempio si può creare una composizione sulla parete di una stanza che può anche estendersi sul soffitto per poi essere interrotta e ripresa su un’altra parte dell’ambiente creando così un’elemento unificante dell’interno.

Questo sistema si presta per la sua flessibilità, per la sua materialità e la conseguente estetica, ad applicazioni sia domestiche che nel settore contract (hotel, ristoranti, locali notturni, teatri, spazi pubblici…).

RICHIESTA INFORMAZIONI

INFO

Mark Anderson

Mark Anderson is an architect and designer educated in the U.S. In 1991 he relocated to Milan, establishing his own studio six years later. The interdisciplinary activities of the studio are integrated with Anderson’s own teaching and research. The belief that the disciplines of architecture and design are intellectual, cultural, and economic guides his process. His work and interests concentrate on the interaction between different disciplines, exploring the boundaries in an informative process with particular attention dedicated to critical thinking and new solutions. The studio’s projects range from built architectural and high-end interior design of different scales and complexity (hotels, showrooms, and private residences) to furniture and other domestic objects as well as design research. The interdisciplinary approach allows it to push the boundaries of given methodologies, offering unique solutions. 

Mark Anderson

Mark Anderson is an architect and designer educated in the U.S. In 1991 he relocated to Milan, establishing his own studio six years later. The interdisciplinary activities of the studio are integrated with Anderson’s own teaching and research. The belief that the disciplines of architecture and design are intellectual, cultural, and economic guides his process. His work and interests concentrate on the interaction between different disciplines, exploring the boundaries in an informative process with particular attention dedicated to critical thinking and new solutions. The studio’s projects range from built architectural and high-end interior design of different scales and complexity (hotels, showrooms, and private residences) to furniture and other domestic objects as well as design research. The interdisciplinary approach allows it to push the boundaries of given methodologies, offering unique solutions.